• +39 0744 406849
  • +39 0744 407311
  • info@chiaromondo.it

La Chiaromondo non è una software-house e non produce, di norma, procedure da vendere a terzi.

Già nella fase di prima affermazione dell’office-automation (anni ’80), come poi negli anni successivi si scontrò peraltro, costantemente, con la scarsa efficacia, la rigidezza, la farraginosità del software disponibile sul mercato, inadatto a risolvere le reali esigenze delle varie commesse acquisite, a causa soprattutto delle carenze nelle analisi poste a base delle procedure, con società di software che pensavano di proporre programmi senza conoscere a fondo le reali esigenze del cliente, in termini di efficacia, semplificazione, flessibilità della gestione del lavoro, come pure tutte le implicazioni delle connesse procedure amministrative.

Dopo alcune esperienze nelle quali la Chiaromondo si affidò a software house per lo sviluppo di procedure informatizzate, dedicate alla soluzione di specifiche e personalissime esigenze, come la gestione delle istruttorie per il sisma della Valnerina del 1979 e per il condono edilizio del 1985 (L.47/85), ritenemmo quindi indispensabile autoprodurre (e i risultati confermarono l’intuizione), il software finalizzato alla soluzione di commesse specifiche, integrando il lavoro dell’analista-responsabile della commessa con quello del programmatore, entrambi interni alla società.

Furono così prodotti ed utilizzati con profitto:
a) Il programma CMP per la computazione e la contabilità dei lavori pubblici (dotato di varie utilità di cui non dispongono ancora, a distanza di anni i più diffusi programmi a livello nazionale);
b) Il programma RUNQ per la gestione interna del Sistema 9001 e per la contabilità industriale delle commesse;
c) Il programma per la gestione del condono edilizio del 1994 (L.724/1994);
d) Il programma per lo svolgimento della ricerca “Archivio Recupero Edilizio” promosso dalla regione dell’Umbria e finanziato dal Ministero dei Lavori Pubblici;
e) Il programma TPCadMap per i rilevi topografici;
f) Diverse utility per la gestione del GIS tramite MapObject Esri e l’informatizione dei Piani Regolatori;
g) Il programma per la gestione dei Piani Attuativi del comune di Terni;
h) Il programma per la gestione delle istruttorie per la concessione e la erogazione dei contributi per la “Ricostruzione a seguito del sisma 1997 in Umbria e Marche”
i) Il programma per la gestione delle istruttorie per la concessione e la erogazione dei contributi per la “Ricostruzione a seguito del sisma 2009 a Marsciano”, con l’allestimento di una piattaforma di dialogo web cion gli aventi diritto per asssicurare la massima trasparenza del procedimento concessorio.

Ebbene, alcune di queste procedure si sono rivelate anche di interesse generale e quindi sono state anche cedute a terzi, come ad esempio quella del condono edilizio 1994, che fu acuistato e utilizzato con successo abnche dai comuni di Terni, Orvieto, Todi, Follonica, Narni, ecc.

In definitiva, la Chiaromondo non si propone per la vendita di procedure su temi “generalisti” e indistinti, ma nei settori ove sviluppa commesse o nei settori affini ove i suoi analisti possono mettere a disposizione non solo una conoscenza teorica delle procedure ma nei quali hanno sperimentato direttamente iter improntati alla efficacia, rapidità ed economia di gestione, è in grado di fornire software personalizzato, in prodotti “di nicchia” altrimenti non coperti dalle principali software-house.